Famiglia Senza Matrimonio

Il matrimonio non è più l’unico “strumento” che permette di costituire una famiglia, oggi infatti anche la convivenza di fatto e le unioni civili tra persone dello stesso sesso sono considerate ormai pacificamente delle forme familiari di pari valore al matrimonio tradizionale, se così vogliamo chiamarlo.

Al fine di tutelare i soggetti che intendono costituire una famiglia senza matrimonio, lo studio legale Linc, a seguito di un’attenta consultazione e di uno studio approfondito delle Vostre esigenze, predispone degli accordi di convivenza al fine di tutelarvi come coppia e come famiglia mettendo nero su bianco le Vostre volontà.

Cosa Sono gli Accordi di Convivenza?

Gli accordi di convivenza sono principalmente accordi che vengono “sigillati” attraverso dei contratti con i quali la coppia, guidata dal proprio legale di fiducia, definisce gli aspetti della propria vita familiare; in particolare vengono regolamentati i rapporti patrimoniali della coppia ed anche alcuni aspetti dei rapporti personali, come per esempio la nomina dell’amministrazione di sostegno. Il contratto può anche stabilire le eventuali conseguenze patrimoniali e non della cessazione della convivenza.

Tali accordi devono essere redatti in forma scritta (scrittura privata o atto pubblico) e possono essere stipulati da qualsiasi coppia legata da un vincolo affettivo che decide di vivere stabilmente insieme.

Contenuto Degli Accordi Di Convivenza

Il contratto può contenere:

  • indicazione della residenza della coppia
  • il regime legale degli acquisti effettuati dai conviventi;
  • i diritti ereditari dei conviventi;
  • l’assegno di mantenimento in caso di cessazione della convivenza;
  • le modalità di amministrazione dei beni comuni;
  • i modi di utilizzo o l’assegnazione dell’abitazione familiare in caso di cessazione della convivenza.
  • i criteri di attribuzione della proprietà dei beni acquistati nel corso della convivenza potendo addirittura definire il regime di comunione o separazione dei beni;
  • le modalità di uso della casa adibita a residenza comune;
  • la definizione dei reciproci rapporti patrimoniali in caso di cessazione della convivenza;
  • la facoltà di assistenza reciproca, in tutti i casi di malattia fisica o psichica, ovvero in caso di perdita della capacità di intendere e volere, o la designazione reciproca ad amministratore di sostegno

Effetti Degli Accordi Di Convivenza

Gli accordi di convivenza essendo dei veri e propri contratti tra due parti fanno nascere in capo alle stesse veri e propri diritti e obblighi reciproci che legittimano anche l’eventuale richiesta al Giudice per far sì che questi obblighi vengano adempiuti.
Le parti all’interno di questi contratti possono accordarsi anche sulla durata degli stessi, anche se solitamente la durata coincide con il persistere del rapporto della coppia, è comunque possibile che alcuni accordi presi inizino a produrre effetti proprio a partire dalla cessazione del rapporto come per esempio le statuizioni prese in caso di cessazione del rapporto di convivenza.

Le principali cause di risoluzione del contratto di convivenza sono l’accordo delle parti, il recesso unilaterale, la morte di una delle parti ovvero il matrimonio o l’unione civile tra conviventi o tra un convivente ed altra persona.

Approfondimenti